Codice Etico

Codice etico per gli allenatori

Comportarsi in modo adeguato (rispetto, linguaggio adeguato,…) con giocatori, genitori, membri del BC79, giudici di gara (ufficiali al tavolo e arbitri).

Dare il massimo delle proprie possibilità, sempre nel rispetto dell’etica, nell’intento di favorire l’ottenimento degli obiettivi previsti della Società.

Favorire la crescita sportiva e personale degli atleti.

L’allenatore è soprattutto educatore!

Comportarsi in modo esemplare prima, durante e dopo le competizioni.

Trasmettere con entusiasmo i vari fondamentali della pallacanestro, più in generale, fare in modo che i giovani apprezzino le attività sportive svolte.

Mai dimenticare, anche negli allenamenti più seri e impegnativi, la serenità e il sorriso.

Essere propositivi e gratificanti.

Farsi rispettare ed essere punto di riferimento nell’organizzazione della stagione sportiva.

Comunicare ai propri giocatori, eventuali assenze, portandone le motivazioni.

Creare un ambiente costruttivo e di dialogo fra i giocatori e fra giocatori edallenatore/i.

Avere cura e mantenere I’ordine delle attrezzature sportive di cui si fa uso.

Le sanzioni, che la Società può prendere nei confronti dell’atleta che non rispetta le regole del Codice Etico, a dipendenza della gravità, sono:

  • sospensione delle attività sportive (partecipazione a competizioni varie) in seno alla Società.
  • Multa
  • allontanamento a tempo indeterminato e/o definitivo dalla Società

Le sanzioni prese, possono essere combinate (sospensione e multa,…)

 

Codice etico dell’atleta

Frequentare gli allenamenti con costanza ed assiduità, rispettando gli orari e l’integrità delle strutture per la pratica sportiva.

Praticare lo sport con passione e buona volontà, non dimenticando mai che lo sport è innanzitutto un gioco.

Accettare le decisioni dell’allenatore e dei giudici di gara, anche quando queste non sembrano condivisibili.

Saper vincere senza presunzione e saper perdere senza eccessiva amarezza.

Adottare un comportamento adeguato all’etica sportiva sia in caso di vittoria che in caso di sconfitta.

Aver cura della divisa sociale, nonché delle attrezzature sportive di cui si fa uso.

Rispettare I’avversario.

Dare il massimo delle proprie possibilità nell’intento di favorire il successo della società.

Ricordarsi che non si gareggia solo per se stessi, ma che in gara si rappresentano anche i propri compagni di squadra.

Comportarsi in maniera dignitosa prima, durante e dopo la gara.

Adottare un linguaggio rispettoso nei confronti del pubblico, dei compagni, dei dirigenti e dei giudici.

Gli atleti che nelle sedute di allenamento non potranno essere presenti, dovranno personalmente dare comunicazione ai propri allenatori, motivandone l’assenza.

Le sanzioni, che la Società può prendere nei confronti dell’atleta che non rispetta le regole del Codice Etico, a dipendenza della gravità, sono:

  • sospensione delle attività sportive (partecipazione a competizioni varie) in seno alla Società
  • multa
  • allontanamento a tempo indeterminato e/o definitivo dalla Società

Le sanzioni prese, possono essere combinate (sospensione e multa,…)